Chi sono?

Partigiano del Web, opinabile opinionista satirico, ateo socialistoide. Attenzione! Preso troppo sul serio posso nuocere gravemente alla salute.

Blog

Società & Politica

Commenti ironici sulla società in cui viviamo e i suoi governanti, e opinabili opinioni satiriche.

Arte & Racconti

Racconti, poesie, introspezioni e altre amenità di una mente contorta e tagliente. Il più delle volte.

TV & Cinema

Pane quotidiano per l’anima di chi è cresciuto tra serie TV e film. Commenti e recensioni.

Tecnologia & Web

Notizie e riflessioni dal mondo digitale: tecnologia e Web dal punto di vista di chi li utilizza.

Interviste

Conversazioni e interviste a personaggi e personalità che mi hanno affascinato nel corso del tempo.

Varie & Eventuali

Articoli e post senza una loro sezione. Così sono finiti in fondo a un cassetto. Insieme ai calzini.

Menu

Team

Sembra incredibile, ma qualche strano pazzoide che voglia collaborare con me l’ho trovato!

Contatti

Per qualsiasi comunicazione, se proprio dovete, potete scrivermi qui. Se potete evitare, meglio.

Preferenze Privacy

Aggiorna le tue preferenze di consenso espresse in precedenza riguardanti Cookie e Privacy.

Login

Accesso al sito per l’autore e altri membri del team che collaborano con VentoTagliente.

Il recap definitivo del linguaggio performante

2 Novembre 2016 | Società & Politica

L’aver lavorato per anni in ambienti come la piscina, la scuola e casa mia, mi ha tenuto lontano per molto tempo da un certo tipo di linguaggio che, quando ho iniziato a lavorare in un ufficio, mi ha letteralmente travolto. Potremmo chiamarlo slang, ma sarebbe riduttivo. Potremmo definirla esterofilia, ma sarebbe un prendersi in giro. Io preferisco chiamarlo con il nome che ha: obbrobrio.

La prima volta che ho sentito dire “performante” “usabilità”, dopo un’iniziale pelle d’oca, ammetto di aver pensato che se questo fosse stato il peggio che poteva capitare, sarei comunque sopravvissuto. Il problema è stato scoprire, poco più avanti, che non era affatto il peggio, bensì solo il primo gradino di una torre di Babele di oscenità linguistiche con cui avrei dovuto fare i conti.

Vorrei sottolineare che un dispositivo più performante, altro non è che un dispositivo più potente, o dalle prestazioni migliori. Vi chiederete: «Ok, ma come faccio a dire “dalle prestazioni migliori” in una parola sola? Non si può!» Miei-piccoli-batuffoli-di-cerume-tirchi-di-parole, certo che si può! Non c’è NULLA che non si possa esprimere in italiano: la parola “prestante” è l’esatto corrispettivo di “performante”, solo in forma decorosa. E sento già le critiche: «Ma “prestante” in italiano si riferisce agli esseri viventi!». Lo so benissimo, mie-simpatiche-palline-di-muco-pignole-solo-quando-vi-conviene, ma anche “performance”, in inglese, non è nata come parola riservata ai dispositivi elettronici!

Detto questo, davanti a “recap” ho avuto un attimo di sbandamento. Ci ho messo circa cinque secondi per capire che significava “ricapitolazione”. Ed è qui che la vera follia ha inizio. Perché se è vero che “mail di recap” è più breve di “mail di ricapitolazione” (e io, sciocco, ho sempre creduto che l’unico vostro scopo fosse impiegare meno lettere), è anche vero che “facciamo un recap” è più lungo di “ricapitoliamo”. È stata questa terribile parola ad aprirmi gli occhi: dietro questi obbrobri non c’è sempre e solo una logica di risparmio, ma spesso solo malsane abitudini.

La conferma di questa mia tesi l’ho avuta quando ho iniziato a sentir parlare di cifre: la “K” ha inesorabilmente sostituito le migliaia. Così 3000 diventa 3k. 5000, 5k. 10000, 10k. Voi direte: «Ecco, vedi? Lo si fa per risparmiare caratteri!» Certo, miei-paffuti-gomitoli-di-peli-pelvici-dall’acuto-senso-dell’ovvio, sarebbe di sicuro come dite voi… se non fosse che questo sfasciume di linguaggio prevede la “K” anche nel parlato! E vi assicuro che “cinquemila” ha, fonicamente parlando, lo stesso identico numero di lettere di “cinquekappa”!

Ora, io sto resistendo. Davanti a Loro parlo come preferiscono, fingo di esserci caduto anch’io. Ma quando nessuno mi guarda corro sul sito dell’Accademia della Crusca, mi lavo la lingua con il sapone e piango in silenzio. Statemi vicino, non abbandonatemi… Insieme possiamo ancora salvare l’italiano.

«Non è mai troppo tardi». (Cit. Alberto Manzi)

Davide Delmiglio

Nasce il 24 ottobre 1985 a Milano con il sogno di fare il cantastorie e si innamora fin dall’infanzia di cinema, letteratura e fumetti. Opinionista ateo socialistoide, diventa partigiano del Web grazie allo pseudonimo di VentoTagliente col quale dà libero sfogo ai pensieri, alle idee e alle idiozie che gli passano per il cervello. Attenzione! Prenderlo troppo sul serio, può nuocere gravemente alla salute.

“Il diritto di opporsi” o semplicemente pietà

È la seconda volta nello stesso mese che vengo piacevolmente sorpreso da un film. Settimana scorsa è successo con Richard Jewell, ieri con...

Richard Jewell e come simpatizzare per un fanatico

Quando sono stato invitato a vedere in anteprima Richard Jewell, l'ultima opera di Clint Eastwood, in uscita nelle sale italiane il 16...

“Piccole donne” torna al cinema nel modo più attuale possibile

Il Piccole donne di Louisa May Alcott è tornato al cinema nella sua sesta trasposizione, questa volta scritto e diretto da Greta Gerwig,...

Joker: una risata chi seppellirà?

Uno dei motti anarchici più famosi di sempre, nato nell'Ottocento, e attribuito dai più a Michail Bakunin, apparso poi sui muri di Parigi...

Perché non parli di Bibbiano?

«Perché non parli di Bibbiano?» «E allora Bibbiano?» «#PDofili, pensate a Bibbiano invece!» «Voi siete quelli del Partito di Bibbiano!» Se...
Share This