Chi sono?

Partigiano del Web, opinabile opinionista satirico, ateo socialistoide. Attenzione! Preso troppo sul serio posso nuocere gravemente alla salute.

Blog

Società & Politica

Commenti ironici sulla società in cui viviamo e i suoi governanti, e opinabili opinioni satiriche.

Arte & Racconti

Racconti, poesie, introspezioni e altre amenità di una mente contorta e tagliente. Il più delle volte.

TV & Cinema

Pane quotidiano per l’anima di chi è cresciuto tra serie TV e film. Commenti e recensioni.

Tecnologia & Web

Notizie e riflessioni dal mondo digitale: tecnologia e Web dal punto di vista di chi li utilizza.

Interviste

Conversazioni e interviste a personaggi e personalità che mi hanno affascinato nel corso del tempo.

Varie & Eventuali

Articoli e post senza una loro sezione. Così sono finiti in fondo a un cassetto. Insieme ai calzini.

Menu

Team

Sembra incredibile, ma qualche strano pazzoide che voglia collaborare con me l’ho trovato!

Contatti

Per qualsiasi comunicazione, se proprio dovete, potete scrivermi qui. Se potete evitare, meglio.

Preferenze Privacy

Aggiorna le tue preferenze di consenso espresse in precedenza riguardanti Cookie e Privacy.

Login

Accesso al sito per l’autore e altri membri del team che collaborano con VentoTagliente.

La differenza tra giudicare fatti e persone

5 Novembre 2016 | Società & Politica

Con questo articolo, intendo incamminarmi in un sentiero irto di pericoli e scivoloni. Un po’ perché si tratta di semantica, un po’ perché si basa su idee soggettive. Inizierò quindi esponendo la mia tesi: esiste un’enorme differenza tra il giudicare fatti o idee, e giudicare persone. Nel primo caso, si tratta di esporre un parere su ciò che è stato fatto o detto da qualcuno. Nel secondo caso, invece, si esprime un giudizio su una persona nel suo complesso, e non su una sua idea o azione. Inutile dire che il primo tipo di critica è globalmente più accettato del secondo, che al contrario viene in qualche modo demonizzato. Tuttavia, è bene ricordare che questa grande differenza è comunque molto sottile, e spesso dipende esclusivamente dal modo in cui viene espresso il giudizio stesso. Ecco perché è possibile convertire qualsiasi giudizio sulla persona in un giudizio sui fatti, semplicemente facendo attenzione ai termini che si usano. Perché possiate capire meglio cosa intendo, vi farò alcuni esempi in cui confrontare i giudizi sulle persone (in grassetto) e quelli sui fatti (in corsivo).

Capezzone è un leccaculo!
Trovo che la mania di Capezzone di passare la lingua su e giù per gli ani altrui sia deprecabile.

Sei un grande stronzo!
Non credo sia stata una buona idea uscire dall’intestino in cui vivevi.

Berlusconi è un porco pedofilo.
Berlusconi sbaglia ad andare a letto con minorenni, quando potrebbe stare tranquillo a casa a grufolare ghiande.

Lei è un maleducato!
Penso che i suoi genitori avrebbero dovuto prendersi più cura della sua educazione.

La Merkel è una culona inchiavabile.
Penso che in pochi trovino sessualmente attraente la signora Merkel, anche considerando la sua particolare conformazione fisica.

Pervertito!
Sappi che è sbagliato posare le mani su qualsivoglia parte del corpo di una sconosciuta contro la di lei volontà!

Grillo è un demagogo!
Secondo me, Grillo sbaglia a dire sempre e solo ciò che pensa che la gente voglia sentirgli dire.

Sei un ignorante!
È un peccato che tu non conosca la Storia del tuo Paese. Ma è comprensibile, dato che non sai leggere.

Renzi è solo un chiacchierone!
Il fatto che Renzi parli tanto, ma non concluda mai niente, mi urta leggermente i nervi.

Tua madre è una puttana.
Secondo me, tua madre sbaglia a svendere il proprio corpo per denaro: vale molto più di quanto creda.

Salvini è un razzista mangiamerda!
Trovo che l’augurare la morte a persone in difficoltà solo perché di etnie e culture diverse da quelle di Salvini, sia deplorevole almeno quanto la coprofagia.

Come si è visto, in questa breve carrellata di esempi, il giudizio sulle persone è spesso usato come insulto vero e proprio, mentre quando ci si basa sui fatti si possono dire gli stessi concetti rimanendo composti e civili. Certo, bisogna esercitarsi un po’, ma il risultato è garantito: ci potete riuscire persino voi decerebrati/esseri privati, pur contro la vostra volontà, della materia grigia fin dall’infanzia.

Davide Delmiglio

Nasce il 24 ottobre 1985 a Milano con il sogno di fare il cantastorie e si innamora fin dall’infanzia di cinema, letteratura e fumetti. Opinionista ateo socialistoide, diventa partigiano del Web grazie allo pseudonimo di VentoTagliente col quale dà libero sfogo ai pensieri, alle idee e alle idiozie che gli passano per il cervello. Attenzione! Prenderlo troppo sul serio, può nuocere gravemente alla salute.

“Il diritto di opporsi” o semplicemente pietà

È la seconda volta nello stesso mese che vengo piacevolmente sorpreso da un film. Settimana scorsa è successo con Richard Jewell, ieri con...

Richard Jewell e come simpatizzare per un fanatico

Quando sono stato invitato a vedere in anteprima Richard Jewell, l'ultima opera di Clint Eastwood, in uscita nelle sale italiane il 16...

“Piccole donne” torna al cinema nel modo più attuale possibile

Il Piccole donne di Louisa May Alcott è tornato al cinema nella sua sesta trasposizione, questa volta scritto e diretto da Greta Gerwig,...

Joker: una risata chi seppellirà?

Uno dei motti anarchici più famosi di sempre, nato nell'Ottocento, e attribuito dai più a Michail Bakunin, apparso poi sui muri di Parigi...

Perché non parli di Bibbiano?

«Perché non parli di Bibbiano?» «E allora Bibbiano?» «#PDofili, pensate a Bibbiano invece!» «Voi siete quelli del Partito di Bibbiano!» Se...
Share This