Chi sono?

Partigiano del Web, opinabile opinionista satirico, ateo socialistoide. Attenzione! Preso troppo sul serio posso nuocere gravemente alla salute.

Blog

Società & Politica

Commenti ironici sulla società in cui viviamo e i suoi governanti, e opinabili opinioni satiriche.

Arte & Racconti

Racconti, poesie, introspezioni e altre amenità di una mente contorta e tagliente. Il più delle volte.

TV & Cinema

Pane quotidiano per l’anima di chi è cresciuto tra serie TV e film. Commenti e recensioni.

Tecnologia & Web

Notizie e riflessioni dal mondo digitale: tecnologia e Web dal punto di vista di chi li utilizza.

Interviste

Conversazioni e interviste a personaggi e personalità che mi hanno affascinato nel corso del tempo.

Varie & Eventuali

Articoli e post senza una loro sezione. Così sono finiti in fondo a un cassetto. Insieme ai calzini.

Menu

Team

Sembra incredibile, ma qualche strano pazzoide che voglia collaborare con me l’ho trovato!

Contatti

Per qualsiasi comunicazione, se proprio dovete, potete scrivermi qui. Se potete evitare, meglio.

Preferenze Privacy

Aggiorna le tue preferenze di consenso espresse in precedenza riguardanti Cookie e Privacy.

Login

Accesso al sito per l’autore e altri membri del team che collaborano con VentoTagliente.

Torta di More

26 Maggio 2017 | Varie & Eventuali

INGREDIENTI

  • Zucchero a velo 100 g
  • Farina 00 250 g
  • Tuorli d’uovo 2
  • Burro freddo 125 g
  • Scorza di 1 limone (1/2 per la frolla, 1/2 per le more)
  • Sale fino 1 pizzico
  • More 400 g
  • Zucchero di canna 75 g

PROCEDIMENTO

  • Versare in una ciotola le more lavate e asciugate, lo zucchero di canna e la scorza di mezzo limone.
  • Mescolare, coprire con pellicola e lasciare macerare per 4 ore.
  • Mescolare la farina, un pizzico di sale, il burro freddo a tocchetti, lo zucchero a velo e la scorza di limone rimanente, fino ad avere un composto uniforme.
  • Creare una montagna con l’impasto ed formare un cratere sulla cima, poi versarci dentro i due tuorli e impastare il tutto fino ad ottenere un composto uniforme.
  • Formare con l’impasto un panetto, avvolgerlo nella pellicola e riporlo in frigorifero per 30 minuti.
  • Terminate le 4 ore, scolare con attenzione le more.
  • Riprendere l’impasto e prelevarne 2/3: appiattirlo tra due fogli di carta da forno fino ad uno spessore di mezzo centimetro, quindi, aiutandosi con la carta da forno, srotolare la pasta su una tortiera di circa 18 cm.
  • Far aderire delicatamente la pasta al fondo e ai bordi della tortiera, eliminare quella in eccesso con il mattarello, e bucherellare il fondo con una forchetta.
  • Farcire la torta con le more in modo omogeneo.
  • Riprendere la pasta rimanente e appiattirla tra due fogli di carta da forno, poi utilizzarne uno dei due per trasferire la pasta sulla torta: fare aderire bene ma delicatamente i bordi ed eliminare quella in eccesso.
  • Bucherellare la superficie con la forchetta.
  • Cuocere la torta in forno statico preriscaldato, sul ripiano più basso, a 180° per 35 minuti. Se necessario far cuocere altri 5 minuti in un ripiano intermedio per dorare.
  • Sfornare e gustare fredda la genuina torta di more fatta in casa.

Davide Delmiglio

Nasce il 24 ottobre 1985 a Milano con il sogno di fare il cantastorie e si innamora fin dall’infanzia di cinema, letteratura e fumetti. Opinionista ateo socialistoide, diventa partigiano del Web grazie allo pseudonimo di VentoTagliente col quale dà libero sfogo ai pensieri, alle idee e alle idiozie che gli passano per il cervello. Attenzione! Prenderlo troppo sul serio, può nuocere gravemente alla salute.

“Il diritto di opporsi” o semplicemente pietà

È la seconda volta nello stesso mese che vengo piacevolmente sorpreso da un film. Settimana scorsa è successo con Richard Jewell, ieri con...

Richard Jewell e come simpatizzare per un fanatico

Quando sono stato invitato a vedere in anteprima Richard Jewell, l'ultima opera di Clint Eastwood, in uscita nelle sale italiane il 16...

“Piccole donne” torna al cinema nel modo più attuale possibile

Il Piccole donne di Louisa May Alcott è tornato al cinema nella sua sesta trasposizione, questa volta scritto e diretto da Greta Gerwig,...

Joker: una risata chi seppellirà?

Uno dei motti anarchici più famosi di sempre, nato nell'Ottocento, e attribuito dai più a Michail Bakunin, apparso poi sui muri di Parigi...

Perché non parli di Bibbiano?

«Perché non parli di Bibbiano?» «E allora Bibbiano?» «#PDofili, pensate a Bibbiano invece!» «Voi siete quelli del Partito di Bibbiano!» Se...
Share This