Chi sono?

Partigiano del Web, opinabile opinionista satirico, ateo socialistoide. Attenzione! Preso troppo sul serio posso nuocere gravemente alla salute.

Blog

Società & Politica

Commenti ironici sulla società in cui viviamo e i suoi governanti, e opinabili opinioni satiriche.

Arte & Racconti

Racconti, poesie, introspezioni e altre amenità di una mente contorta e tagliente. Il più delle volte.

TV & Cinema

Pane quotidiano per l’anima di chi è cresciuto tra serie TV e film. Commenti e recensioni.

Tecnologia & Web

Notizie e riflessioni dal mondo digitale: tecnologia e Web dal punto di vista di chi li utilizza.

Interviste

Conversazioni e interviste a personaggi e personalità che mi hanno affascinato nel corso del tempo.

Varie & Eventuali

Articoli e post senza una loro sezione. Così sono finiti in fondo a un cassetto. Insieme ai calzini.

Menu

Team

Sembra incredibile, ma qualche strano pazzoide che voglia collaborare con me l’ho trovato!

Contatti

Per qualsiasi comunicazione, se proprio dovete, potete scrivermi qui. Se potete evitare, meglio.

Preferenze Privacy

Aggiorna le tue preferenze di consenso espresse in precedenza riguardanti Cookie e Privacy.

Login

Accesso al sito per l’autore e altri membri del team che collaborano con VentoTagliente.

Humanity, una lezione di umorismo e comprensione del testo

27 Marzo 2018 | TV & Cinema

Che cos’è l’umorismo? Su cosa è moralmente ed eticamente lecito ridere? Dov’è il limite ultimo da non superare nella comicità e nella satira? Queste sono le domande inespresse a cui Ricky Gervais cerca di rispondere nel suo show Humanity per Netflix, portando sotto i riflettori in particolar modo l’approcciarsi di queste tematiche ad un mondo dominato dai social network e dalla possibilità per chiunque di dire qualsiasi cosa, senza doversene prendere la responsabilità.

Ricky si impegna in un esilarante e irriverente monologo contro il perbenismo, la censura popolare e l’inconsistenza dell’“uomo medio”, che commenta e giudica tutto da dietro un computer, che prende sul personale qualsiasi opinione venga espressa, e che si sente autorizzato a contestarla (più o meno civilmente) anche quando basata sui fatti.

«Si è evoluto un pensiero stupido che abbiamo da sempre “la mia opinione vale quanto la tua” in “la mia opinione vale quanto i tuoi fatti”. Non ha senso!» dice Gervais, ritrovando la colpa di questa nuova tendenza proprio nei social network. E mentre legge i commenti e le risposte che riceve su Twitter, deve spesso interrompersi per aggiungere: «Avrei dovuto lasciar perdere!», ma non lascia perdere mai, smontando sistematicamente qualsiasi critica o insulto abbia ricevuto semplicemente con logica e buon senso.

È un umorismo nero quello di Ricky, scherza e ride su qualsiasi argomento – morte, malattia, LGBT, olocausto, stupro etc. – punzecchiando le diverse sensibilità degli spettatori che ormai osservano tutto con uno smartphone in mano per pubblicare in tempo reale le proprie opinioni. E così salta fuori il gruppo di mamme che considera un’allergia alle noccioline più grave dell’olocausto, o l’utente che si indigna per la volgarità utilizzata nel condannare la tortura degli animali.

Un’altra cosa veramente ridicola: “Chiediamo all’uomo medio cosa ne pensa”. Smettiamola di chiedere all’uomo medio… Lo sapete quanto è stupido l’uomo medio? Vendiamo ancora bottiglie di candeggina con una grossa etichetta che dice: “Non bere”.

La conclusione dello spettacolo risponde a tutte le domande che ci eravamo posti all’inizio e deriva da una regola che si sono dati Ricky e il fratello Bob da ragazzi, per superare un’infanzia difficile tra privazioni e povertà, e su cui il british comedian ha costruito le proprie fondamenta: «Se ti viene in mente qualcosa di divertente, dilla. In ogni caso, qualsiasi siano le conseguenze!». Perché sì, è evidente che qualcosa sia andato tremendamente storto nell’evoluzione dell’uomo e, probabilmente, l’unica consolazione è riderne.

Articolo scritto per il Blog dell’Università eCampus

Davide Delmiglio

Nasce il 24 ottobre 1985 a Milano con il sogno di fare il cantastorie e si innamora fin dall’infanzia di cinema, letteratura e fumetti. Opinionista ateo socialistoide, diventa partigiano del Web grazie allo pseudonimo di VentoTagliente col quale dà libero sfogo ai pensieri, alle idee e alle idiozie che gli passano per il cervello. Attenzione! Prenderlo troppo sul serio, può nuocere gravemente alla salute.

“Il diritto di opporsi” o semplicemente pietà

È la seconda volta nello stesso mese che vengo piacevolmente sorpreso da un film. Settimana scorsa è successo con Richard Jewell, ieri con...

Richard Jewell e come simpatizzare per un fanatico

Quando sono stato invitato a vedere in anteprima Richard Jewell, l'ultima opera di Clint Eastwood, in uscita nelle sale italiane il 16...

“Piccole donne” torna al cinema nel modo più attuale possibile

Il Piccole donne di Louisa May Alcott è tornato al cinema nella sua sesta trasposizione, questa volta scritto e diretto da Greta Gerwig,...

Joker: una risata chi seppellirà?

Uno dei motti anarchici più famosi di sempre, nato nell'Ottocento, e attribuito dai più a Michail Bakunin, apparso poi sui muri di Parigi...

Perché non parli di Bibbiano?

«Perché non parli di Bibbiano?» «E allora Bibbiano?» «#PDofili, pensate a Bibbiano invece!» «Voi siete quelli del Partito di Bibbiano!» Se...
Share This