Chi sono?

Partigiano del Web, opinabile opinionista satirico, ateo socialistoide. Attenzione! Preso troppo sul serio posso nuocere gravemente alla salute.

Blog

Società & Politica

Commenti ironici sulla società in cui viviamo e i suoi governanti, e opinabili opinioni satiriche.

Arte & Racconti

Racconti, poesie, introspezioni e altre amenità di una mente contorta e tagliente. Il più delle volte.

TV & Cinema

Pane quotidiano per l’anima di chi è cresciuto tra serie TV e film. Commenti e recensioni.

Tecnologia & Web

Notizie e riflessioni dal mondo digitale: tecnologia e Web dal punto di vista di chi li utilizza.

Interviste

Conversazioni e interviste a personaggi e personalità che mi hanno affascinato nel corso del tempo.

Varie & Eventuali

Articoli e post senza una loro sezione. Così sono finiti in fondo a un cassetto. Insieme ai calzini.

Menu

Team

Sembra incredibile, ma qualche strano pazzoide che voglia collaborare con me l’ho trovato!

Contatti

Per qualsiasi comunicazione, se proprio dovete, potete scrivermi qui. Se potete evitare, meglio.

Preferenze Privacy

Aggiorna le tue preferenze di consenso espresse in precedenza riguardanti Cookie e Privacy.

Login

Accesso al sito per l’autore e altri membri del team che collaborano con VentoTagliente.

Un “Colossal” solo nel titolo

4 Giugno 2018 | TV & Cinema

Giudicare un libro dalla copertina è sbagliato, si sa. Lo stesso si può dire per la locandina di un film. Nel caso di Colossal, di Nacho Vigalondo per Netflix, ciò è vero sotto diversi punti di vista. Il più evidente è certamente l’equivoco voluto sui disaster movie, la pellicola nonostante i due giganteschi mostri sulla locandina, non punta i riflettori sui due colossi (da qui il titolo, non certo dalla presunzione di aver girato un capolavoro) o su degli standardizzati eroi che riescono a fermarli. Tutt’altro.

Il film è incentrato sul tentativo di riscatto di Gloria (Anne Hathaway), giovane alcolizzata senza scopi nella vita, che dopo essere stata lasciata dal fidanzato, torna nella città natale, dove ritrova Oscar (Jason Sudeikis), vecchio amico di infanzia. Tra una sbronza e l’altra, e un apparente nuovo inizio come cameriera, la donna inizierà a notare strane coincidenze tra i suoi comportamenti e gli attacchi di un gigantesco mostro in Corea del Sud.

Il mistero andrà pian piano a svelarsi, ma tutta l’originalità e la brillantezza dell’idea tenderanno a svanire nel corso del viaggio, sostituite da un tedioso alone di ripetitività e ridondanza. Una Anne Hathaway monocorde e incapace di convincere, ben lontana dalle sue grandissime e pluripremiate performance passate, affiancata da un Jason Sudeikis fuori dal suo seminato, che stupisce proprio in quanto inatteso, ma che non riesce a caratterizzare in modo convincente il suo personaggio. Reazioni immotivate, esagerate, improvvise, senza un filo logico degno di questo nome, impediscono allo spettatore di mantenere la “sospensione dell’incredulità” abbastanza a lungo da concedere una possibilità alla pellicola. Tutto appare chiaramente finto.

Se alcune trovate possono essere simpatiche e accattivanti, perdono poi tutto il loro fascino nel momento in cui non vengono supportate da una spiegazione, realistica o meno che potesse essere, lasciando tutto o quasi alla libera interpretazione dello spettatore. Lo scopo del regista appare evidente: sfruttare le potenzialità e l’appeal di un certo genere cinematografico per raccontare una storia che, in qualsiasi altro contesto, non avrebbe avuto alcun fascino o interesse.

Purtroppo, però, in un racconto che prevede un gigantesco mostro che distrugge Seoul, ciò che risulta maggiormente inverosimile e assurdo sono gli atteggiamenti e i comportamenti dei personaggi principali, a partire dai loro rapporti sociali per finire ai loro dialoghi. Tutta la metafora della catastrofe come cartina tornasole di simbologie indie tende a fallire, smascherando come poco credibili la derelitta Gloria di Anne Hathaway o l’insoddisfatto Oscar di Jason Sudeikis.

Se il film ha dei lati positivi li si trova senza dubbi nei mostri, classici kaijū giapponesi, in un contesto catastrofico ben realizzato, con effetti speciali genuini e che, nella loro basicità, richiamano i disaster movie più iconici. Con un’idea di base piuttosto interessante e una semplicità estetica molto intrigante, spiace dover bocciare una pellicola del genere, ma lo si fa con la certezza che troverà altrove degni difensori: Colossal, infatti, è quel tipo di pellicola che può solamente essere amata o odiata, senza vie di mezzo. L’impressione però è che sia comunque destinata all’oblio. Ci sono modi migliori di passare un paio d’ore davanti a uno schermo.

Articolo scritto per il Blog dell’Università eCampus

Davide Delmiglio

Nasce il 24 ottobre 1985 a Milano con il sogno di fare il cantastorie e si innamora fin dall’infanzia di cinema, letteratura e fumetti. Opinionista ateo socialistoide, diventa partigiano del Web grazie allo pseudonimo di VentoTagliente col quale dà libero sfogo ai pensieri, alle idee e alle idiozie che gli passano per il cervello. Attenzione! Prenderlo troppo sul serio, può nuocere gravemente alla salute.

“Il diritto di opporsi” o semplicemente pietà

È la seconda volta nello stesso mese che vengo piacevolmente sorpreso da un film. Settimana scorsa è successo con Richard Jewell, ieri con...

Richard Jewell e come simpatizzare per un fanatico

Quando sono stato invitato a vedere in anteprima Richard Jewell, l'ultima opera di Clint Eastwood, in uscita nelle sale italiane il 16...

“Piccole donne” torna al cinema nel modo più attuale possibile

Il Piccole donne di Louisa May Alcott è tornato al cinema nella sua sesta trasposizione, questa volta scritto e diretto da Greta Gerwig,...

Joker: una risata chi seppellirà?

Uno dei motti anarchici più famosi di sempre, nato nell'Ottocento, e attribuito dai più a Michail Bakunin, apparso poi sui muri di Parigi...

Perché non parli di Bibbiano?

«Perché non parli di Bibbiano?» «E allora Bibbiano?» «#PDofili, pensate a Bibbiano invece!» «Voi siete quelli del Partito di Bibbiano!» Se...
Share This